Ode alla Luna (8 marzo 1999)

Ode alla Luna

Ode alla LunaO, quanto potrei parlare di quella fedele amica che il sol non ama, portatrice di consiglio e riposo, che ogni dì a trovarmi viene; così mi piace: silenziosa e oscura.

Or parlerò a te come il fanciullo al padre, perchè non avendo ancor forgiato il suo pensier imita e segue quel saggio maestro che la vita gli donò.

Tu per altri potresti essere portatrice di divertimento, o culla di un dolce sonno, peme cosa sei? L’importante è che esisti, per questo ringrazio chi ti ha creato, non cosa sei, infatti è difficile spiegar, sol colle parole, ciò che non è mai stato nulla di sempre uguale, così come il camaleonte cangia il proprio color da un posto all’altro, col tuo venir tu porti felicità o tristezza, ira o amore, quest’ultimo sentimento che meni spesso; il giorno, al contrario di te, solle in me forte insicurezza tanto da faticar a parlare con chi il mio interesse stimola, mentre quando il tuo mantello di seta m’avvolge, ogni dubbio scompare e anche se colei mi sta vicino alcuna paura provo, solo “grazie” riesco a dirti perchè la felicità è troppa quando a te penso.

Abbiamo rapporto difficile ma alquanto bello, infatti quando il mal fato mi coglie impreparato spero in te e che al tuo tramontar quel che di brutto è successo non sia accaduto se non nella mia mente; or sveglio rimango deluso dal tuo giusto agir, un pizzico d’odio s’apre dentro me ma quando tu a ritrovarmi vieni, col tuo candido velo son il pulcino ferito che restato solo e impaurito, al ritorno della suo chioccia, in lei s’abbandona.

Sol adesso mi passa il pensier di chiederti un piacer: fammi sognar quel viso, che grazie al tuo aiuto ho conosciuto e ti prego non finir mai più.

Ode alla luna (08 marzo 1999).
Un abbraccio,
Michele

 

4 pensieri su “Ode alla Luna (8 marzo 1999)

    • Ciao Manu,
      grazie per i complimenti.. :-)

      Sistemando le vecchie scartoffie sono saltati fuori tutti gli scheletri che avevo dimenticato nell’armadio.. ed ho pensato di condividerli.
      E’ stato simpatico fare un tuffo nel passato, mi sono fatto anche un sacco di risate leggendo qua e la tutte le “stupidate” che scrivevo in quel periodo!

      Se devo essere sincero, è saltata fuori anche una tua letterina (del periodo: “Gita scolastica a Barcellona 4a-5a progetto Mercurio”… paura!).

      Grazie ancora,
      prima o poi ci si ribecca… :P

      Un abbraccio.
      Michele

    • Ciao Paolo,
      grazie per il commento..
      Questo modello è interessante, il problema è che la luna si sta pian piano allontanando dal nostro pianta.. cosa ammireranno i posteri? :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>